Archive for the ‘Finanza – Economia’ Category


Sabato al centro commerciale … soliti acquisti e varie.
Tra le varie, giocata al nuovo gioco Win For Life.

In coda dietro a 10 persone, coda che superava ampiamente la capienza della saletta del tabacchi, cerco di capire meglio le modalità di gioco … non chiarissime, se non nel fatto che se vinci ti danno 4.ooo,00 euro al mese per 20 anni. I giornali da una settimana non parlano d’altro, il meccanismo e le possibilità di vincere sono argomenti noiosi, perciò non trattati.

La prima cosa che mi salta agli occhi è che c’è un’estrazione ogni ora, ripeto OGNI ORA; c’è da far venire la dipendenza da gioco d’azzardo anche alle vecchiette più miti di questo mondo, ma questo aspetto verrà alla luce tra qualche mese, adesso è il momento di far cassa quindi non bisogna pensarci.

Seconda cosa, è che il ricavato del gioco va ai terremotati dell’Abruzzo … in coda elaboro pertanto che sto pagando, contenta, una tassa che il Governo nella sua magnamità non ha voluto estendere a tutti i cittadini, ma solamente a quelli più deficienti, tra cui io, che non avendo altri motivi per sperasre nel futuro lo fanno comprando una schedina di 4-6-8 euro a secondo delle possibilità e che vale per 2-3-4 ore.
Mi cheido se non era meglio che ciascuno di noi, a secondo del reddito, pagasse quanto dovuto… anche i vari ricchi a vario titolo e non solo chi ha bisogno di sperare…
Ma anche questo aspetto è troppo complesso per essere affrontato pubblicamente.
Facendo due conti, il montepremi per ciascuna ora è di circa 500.000,00 euro per 8 volta al giorno. I conti sono presto fatti, con una tassa estesa a tutti ce la saremmo cavati con molto meno, tutti.
E mentre sentivo che praticamente stavo partecipando ad un imbroglio generale, una truffa, è arrivato il mio turno ed ho giocato 6 euro, VINCENDONE 2,07 dopo un’ora.
Sono contenta per la vincita e per aver devoluto ai terremotati dell’Abruzzo.
Nel retrocranio, in fondo nascosto, un pensiero mi dice che sono bue in una mandria senza meta, ma anche questo pensiero è complicato, l’ho rimando indietro ed attendo un’altra vincita.

Annunci

Si lo so che avevo detto che non parlavo più di politica ma questa foto VA OLTRE la mia capacità di tacere.

spib1.jpg

Ma lo sa Berlusconi cosa significa il gesto che ha fatto?
Sa che Putin lo applica davvero?
Ma un Presidente di un Paese civile queste cose non le dovrebbe fare neanche chiuso in gabinetto da solo!!!

Oh poveri noi, e io che mi lamentavo delle giovanili imtemperanze amorose di Sarko……..

 


caafwhqf.jpgEro in Francia la primavera scorsa e nelle strade di Marsiglia si distribuivano i volantini elettorali. Quelli che ho raccolto io erano tutti per la Royal, ma questo è abbastanza normale vista la propensione della sinistra per questa forma di propaganda.
Poi la polemica forte sulla scelta della candidata, aveva monopolizzato la stampa italiana e del candidato di dx, almeno io, avevo letto pochissimo. Per questo quando ha vinto mi sono meravigliata, ed incuriosita.
Da allora, lo seguo sui giornali italiani, sui giornali francesi on-line, però non li capisco sempre bene, e devo contastatare che mi piace.
Certo è un po’ sopra le righe, ma credo che chi gestisce il potere deve necessariamente essere al di sopra della comune linea di coraggio.
Mi è piaciuto il discorso che ha fatto in Cina l’altro giorno, mi piace per la fermezza con la quale ha stoppato l’ultima rivolta delle periferie, mi piace per come ha zittito la giornalista che gli ha chiesto cose sue personali, mi piace pure come ha gestito lo sciopero dei trasporti.

ca056fm5.jpgInsomma mi sto votando all’uomo forte? O il decisionismo è oramai una dote così rara in politica che riesco ad ammirarla anche in un uomo di dx, con il quale dovrei condividere davvero pochi principi?

Mi viene in mente Totò che diceva: E poi dicono che uno si butta a destra?


A pranzo oggi si parlava del + e del – e poi di nuovo di lavoro, tanto per cambiare. E davanti ad un buon caffè siamo addivenuti ad una conclusione:

Ci sono domande per le quali non esiste una risposta verbale.

Sono quelle domande per le quali resti senza parole e l’unica reazione possibile resta quella fisica: o te vai  o gliele dai.  Ovviamente possono cambiare da persona a persona e dal contesto però credo che tutti noi abbiamo di queste domande…
Per esempio, quando mi chiedono: Come stai bene oggi, ma sei dimagrita?
A me l’unica reazione che mi viene immediata e menare, poi mi trattengo e mi limito ad un sorriso e me ne vado. Il fatto contigente che abbia preso 4 chili in un mese ovviamente aggrava la situazione. Probabilemente se fossi veramente dimagrita, avrei le parole per rispondere.

bobo-vieri.jpgimages.jpgbobo-staino.jpgGuardavo le Invasioni Barbariche l’altra sera, c’era l’intervista a Staino. A parte il fatto che non l’avevo mai visto in faccia, almeno non così bene, l’intervista era interessante. Lui ovviamnet eparlava dei suoi personaggi: Bobo, la moglie. Ilaria ecc.

Il mio bambino ad un certo punto fa:
Ma mamma di chi Bobo parla di Bobo Craxi?

A me è venuto da ridere prima, se lo sapesse Staino gli verrebbe un colpo, da pensare poi perchè questo bambino conosce Bobo Craxi, si vede che ci ascolta quando parliamo io e suo padre.

No, gli dico non è Craxi.

Lui subito di rimando: E’ chi Bobo Vieri.

Lì il riso è conclamato. Lui dice che non conosce altri BOBO.

Dolcemente mentre ascoltiamo l’intervista gli spiego dell’esistenza di quest’altro BOBO.


Nel frattempo che scelgo che dieta iniziare per dare una svolta alla mia vita, devo pure scegliere chi votare alle primarie tra VELTRONI e BINDI per dare (forse) una svolta al mio paese.

Il sondaggio a fianco va per Walter ….


Io sono orientata su Bindi e voi? 

Ho lanciato un sondaggio qui di fianco


Io capisco tutto, nel senso che comprendo che nell’era globale tutto è confuso, che se è più facile produrre in un angolo sperduto della Cina centrale le multinazionale vanno lì, che dobbiamo condividere tutto e certuni saranno schiacciata altri no, che è quello ceh facevamo noi alle ex potenze quando eravamo un popolo del 3° mondo o giù di lì ed emigravamo a mazzi, io queste cose qua con la testa le comprendo.
Non ce la faccio ad approvarle ma se mi ci metto le comprendo.

Quello che non capisco è perchè due società come NOKIA e VODAFONE/OMNITEL debbano estarnalizzare?????

Le due più grandi società multinazionali del comparto telefonia, con degli utili da capogiro difficili pure da dire e da tradurre in Lire, hanno deciso rispettivamente che:

NOKIA acquisito il comparto produzione in Italia da Siemens Mobile appena 3 mesi fa ha deciso che non gliene frega niente di stare in Italia visto che in Cina si produce ad un ventesimo di costo ed allora taglia 200 dipendenti a Milano e 300 a Marcianise.

VODAFONE/OMNITEL manda una mail ( si una mail ) a 900 dipendenti sparsi tra Roma-Napoli-Ivrea per informarli che dal lunedì successivo( settimana scorsa tutto ciò) sono passati ad una società che si chiama COMPART.

Di tutto questi i cosidetti organi di informazione tacciono, nessuno dice niente, nessuno parla, gli scioperi restano inascoltati e non pubblicizati, se nessuno dice niente in fondo non è successo niente, no?

Intanto 1500 famigli si arrovellano sperando che qualcuno si occupi del loro futuro. Il governo sta facendo qualcosina ma davvero troppo poco, davvero troppo poco. MA NON ESISTE UNA LEGGE CHE PERMETTA LE ESTERNALIZZAZIONI SOLAMENTE QUANDO UNA SOCIETA’ E’ IN PERDITA?

Intanto in TV continua la pubblicità gaia di Vodafone e di Nokia.