E’ che la testa va più veloce di me….


Ma a questo punto non credo lo sarà mai … sono costretta a stare qua, a fare un lavoro che non mi piace per niente.  Tutti mi dicono che mi devo arrendere, lo dicono anche i fatti che veramente sono tutti contro di me ma io proprio non posso.  E che non ho ancora imparato a smettere di pensare…non so come fare, è che la testa va più veloce di me.

Allora dopo tutti gli sforzi fatti, oramai è da novembre 2004 che sono fuori, certo faccio pure dei lavori  carini ma non sono quello che vorrei fare io, proprio per niente.
Io a non avere un cazzo da fare, mi annoio a morte. Certo dovrei essere contenta che mi pagano per cazzeggiare ma se ci penso bene e traduco il pensiero un po’ meglio, questo significa pure che mi pagano per non pensare e questo mi mortifica. Mi deprime pure e tanto anche.

Adesso sembra che ci sia un altro ostacolo, e che sia insormontabile per il mio passaggio. Il mio nuovo presunto capo mi ha riferito di cercare altrove perchè qua per me non c’è niente da fare, certo, mi fa, la vita è lunga e non si può mai sapere. La tentazione di mandarlo affanculo superava qualsiasi pensiero logico ma mi sono fatta violenza ed ho desistito.
Per resistere a sentire le classiche scuse degli stronzi che non hanno neanche il coraggio di ammettere di esserlo, mi focalizzavo sui difetti e mi ritrovavo a ripetermi nella testa che uno con l’alito che gli puzza d’aglio non può essere credibile.
Finita la tortura, l’ho ringraziato e sono tornata nel mio ufficio.

Prima che la rabbia mi avvolgesse, sono andata dal mio attuale referente che mi aveva cercato. Mi ha detto che potevo pensare di restare lì, perchè potevamo accordarci per darmi maggiore visibilità in azienda. Altro colloquio, altro stronzo. La verità è che io faccio il lavoro di due persone ed ho le palle di quattro pertanto la collega che hanno scelto per sostituirmi, non sarà mai in grado di fare il mio lavoro, o almeno con la qualità attualmente richiesta. Aprofitto delle situazione è dico che dopo due anni, voglio un aumento o una promozione.  Nicchia ma pare sollevato, mi dice che si impegnerà a far sì che la cosa venga presa in considerazione se ovviamente scelgo di stare in questa funzione.
Dico ovviamente sì, anche perchè cosa avrei potuto dire dopo essere stata scaricata così elegantemente. Mentro dico sì sento che la stanza si stringe, so che non è possibile ma io sento che è proprio così.

Mi devo arrendere, se mi arrendo ed accetto la situazione di fatto, ne trarrò beneficio. Me lo dico da due giorni fino alla nausea.

Nel frattempo lo stronzo che mi ha scaricato al bar,  mi fa sapere per via traverse che sa che la cosa è ingiusta ed è disponibile ad aiutarmi anche attraverso altri canali.
La cosa mi solleva di morale. Lo so che non bisogna mai fidarsi degli stronzi ma non ho molte alternative e poi perlomeno posso pensare. E difatti parto come un missile; sempre per le vie traverse gli faccio arrivare un progetto che ho in testa. Trasecola e ne è entusiasta, non serve ad un cazzo ma è come dirgli guarda cosa si potrebbe fare volendo, trovo questa un’offesa nei suoi confronti più di tutti gli improperi che avrei potuto dirgli.

Oggi mi chiama il top manager, capo dello stronzo di cui sopra,  per farmi sapere che c’è stato un congelamento sulla mia candidatura. Ah ed io che pensavo di essermi semplicemente vestita leggera …. ecco perchè avevo freddino.

Mi risale la rabbia ma fa niente. Per il momento sfrutto la situazione dove sono, anche se solo a scriverlo mi sembra un atto ignobile, figuriamoci a farlo. Nel frattempo penso. Non posso arrendermi

Annunci

  1. Rivendica il tuo essere. Non è mai inutile…!

  2. Continuare a bussare, magari anche a porte DIVERSE?
    Comunque, no, non arrederti, e visto poi il piglio con cui scrivi credo non sia possibile:-)

    Forza e coraggio!

  3. merimery

    No, non arrenderti Clio. Poi non conosco i dettagli della tua situazione ma, come Babo, penso che tu debba anche bussare a porte diverse. Posso immaginare come ti senti…e spero sia solo una parentesi prima di un bel periodo ricco di soddisfazioni. Tanto succede sempre così…..le belle cose arrivano tutte insieme! (anche le brutte in realtà…!)
    In una giornata come questa è assolutamente d’obbligo mezzo vasetto di Nutella! Vedrai come starai bene dopo…..
    🙂

  4. Senti Clio ma, vista la situazione (che non conosco), non ti riesce in nessuno modo di sfruttarla a tuo beneficio?
    Visto che la testa non ti riesce di fermarla (fortunatamente), non potresti almeno incanalarla nel verso giusto?
    Ad esempio tenendoti per te i progetti che ti saltano in testa e provare a realizzarli “de par ti” come diciamo a Milano, cioè per conto tuo?
    Oppure proponendoli a qualcun altro che non sia di quell’entourage? Che so ad un concorrente?

    Visto che hai le palle, e ce la puoi fare, perchè non ti lanci verso qualcosa di tuo?
    Le mie sono solo ipotesi buttate lì perchè non conosco la situazione, però se solo potessi sfruttare il tuo pensiero veloce, ti sentiresti di sicuro più gratificata.
    Sempre ammesso che tu possa sganciarti da lì.
    Scusa se ho detto cose banali o fuori dal mondo…
    Però ti ci “vedrei” come imprenditrice 😀

    Baci!
    Esserina




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: