Parto domani, vado da mammà, pure da papà ovviamente.

Spero che non mi intorpediranno troppo con le chiacchere sul parentado, sulle  vicende testamentarie, ma mi tocca dare un po’ di sollievo a mia sorella piccola e a mio fratello. D’altronde i parenti serpenti sono pure un po’ miei, no?

Nel frattempo, terrò il quadernettotopolinomed.jpg degli appunti  perchè mi è venuta la fissa di raccogliere i proverbi napoletani, a volte ho la sensazione di perdere un po’ il dialetto  … e mi viene paura.

Inizio con questa qua, suggerito da Leucosia ieri:

  1. attaccare il ciuccio dove vuole il padrone…

Se ne avete anche voi, suggerite pure.

 

Annunci

  1. coi proverbi napoletani non ti posso proprio aiutare, ma se cerchi consulenza di romanesco sto qua 🙂

  2. Beh… da svizzero ti chiedo perdono per quello che scrivo…’Ammore verace è quanno s’appicceca e se fa’ pace

  3. a ragion e’ de’ fess
    vide napule e po’ muor
    chi bello’ vo’ pare’ , pen e guai hadda pate’
    spart ricchezz e addvent puvrta’
    a muglier e’ llat e’ semp chiuu’ bell
    mazz e panell fann e figlie bell; panell senz a mazz fann e figlie pazz
    chi spart av a peggia part
    facesse na culat e ascess o sol
    datt’ ra fa’, a iurnat e’ nu muorz
    dicette o pappice faccia a noce, damm’o tiemp ca t sprtos
    femmne, ciucce e crape, tnit tutt a stessa cap

    ti basta per il momento?
    buon viaggio paisa’

  4. Ciao Clio,
    Ti auguro buon viaggio.
    Mi sembra bella l’idea del quadernetto, mi hai dato uno spunto da coltivare con David.
    Pensando ad alcuni tuoi colleghi di lavoro, da quello che racconti, secondo me dovresti trovare un posticino nel tuo quaderno per l’espressione:
    “duorme ca zizze mmocche!”
    perché questa definizione calza a pennello ad alcuni di loro.
    Mi raccomando divertiti.
    Salutamme!

  5. Valeria

    Stando che a livello cromosomico interno non sono campana, mi scusassero, non posso essere d’aiuto. Pero’, lo giuro: amo la napoletanita’ col sorriso in bocca e con la nostalgia e con la tenerezza. ……..ho letto il blog: il post sulla cacca del bambino e tuo marito che dice: “ma cos’e’ questo odore? stanno ancora concimando il terreno” mi ha fatto ridere un quarto d’ora. ciao!

  6. chicca

    prima o poi scriverò un libro intitolato ‘diceva mammà’ perchè mia madre è solita ricordare detti ed aneddoti…eccone qualcuno:

    stipt o mil p quand te vene a sete (conservati il succo del frutto del melo per quando ti verrà sete);
    o prim surco nun è surc (il primo solco nel terreno non è mai tale);

    tan è gran quand stà n’da arciv (Allora è grano, quando ce l’hai nel granaio)

  7. Che bello! Almeno stacchi un pò e cambi aria. Anch’ io sarei dovuta rientrare “alla base” nei prossimi giorni ma il viaggetto è sfumato per varie ragioni…quindi dovrò attendere gennaio. A presto, Clio.

  8. ci mancherai, vecchio proverbio cinese

  9. Quando stacchi la spina vedrai che ti verranno un sacco di ideee. porto sempre con me un quaderno o dei foglietti. bello il napoletano. ciao buon viaggio

  10. non conosco molto bene i proverbi in genere…però buon viaggetto 🙂

  11. misia

    di persona, come dire, invadente:
    è trasut’ e sicc’ e s’è mis’ ‘e chiatt’.
    (è entrato stretto e si è allargato).
    atteggiamento molto molto diffuso..purtroppo.

    salutami il golfo….:)

  12. Un saluto veloce veloce
    Dona

  13. leucosia

    ‘nzomma, ti ho ispirato eh?
    (scherzo!)
    buon fine settimana 😉

  14. Volevo solo dirti che mi piace molto il “sottonick” del tuo blog “chi fa sul serio trova la strada, chi non fa sul serio trova la scusa” 🙂

    ciao!

  15. uè uè, allora com’è andata? vorrei andare sul vesuvio nel periodo natalizio, sai come ci si va?

  16. Più che proverbi, massime filosofiche:
    A vita è n’ affacciata ‘e fenesta.
    “E vabbene” dicette donna Lena quanno vedette ‘a figlia, ‘a ciuccia e ‘a luna prena. (prena = gravida, incinta).
    Fa’ bbene e scuordate, fa male e pensace.
    O pesce feta d’ ‘a capa.
    Addo’ t’he fatto ll’esta’, llà te faie pure viérno!
    Puòzz’ ‘avè ‘n’ ora ‘e petriata ‘int’ ‘a nu vico astritto e ca nun sponta; farmacie ‘nchiuse e mièdeche guallaruse! Con tale imprecazione si augura a qualcuno di poter essere aggrediti senza scampo; si pensi: un’ora di lapidazione in un vicolo cieco, senza poter essere adeguatamente soccorsi! Se ne vuoi altri, fammi sapere: ne ho a centinaia.




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: